Alcune cose ci tengono svegli la notte

PERCHÉ NON LA FARFALLA ZEBRATA DALLE ALI LUNGHE?


Alcune cose ci tengono svegli la notte, come il pensiero terrificante che se eliminassero tutta questa roba di carbonio, tra 20.000 anni non saranno più in grado di datare al carbonio le nostre ossa.

Tutto questo a causa di quel meme spaventoso, quello che dice che NOI umani siamo il carbonio che stanno cercando di eliminare in modo da poterci sostituire con i robot.

Avremo posto fine alla storia in questo senso. Ci faranno sparire le ossa e tutto il resto. Non avremo nemmeno l’umiliazione di essere dissotterrati come i dinosauri in un tempo lontano ed esposti in teche di vetro. Saremo un sottile strato di polvere della memoria che va alla deriva e si deposita su un paesaggio straniero dove i robot sfrecciano.

Pensi che i robot potrebbero alzare lo sguardo e vedere i fantasmi degli umani seduti sugli alberi? O passeggiare lungo i resti di strade lastricate dove la pastinaca selvatica cresce tra i cocci grigi? O gesticolare e cantare selvaggiamente durante le proteste? O rubare baci nell’ombra di una giornata estiva? O ridere? Pensi che potrebbero ricordarsi di noi?

Beh, certo che lo faranno. Noi siamo gli dèi che li hanno creati.

E vengono realizzati a nostra immagine. I progettisti di robotica di tutto il mondo stanno riproducendo attentamente tutte le cose che fanno gli esseri umani, tra cui dipingere immagini e scrivere poesie. (Molto male a questo punto potrei aggiungere) Ciò fa sorgere la domanda: se stanno tentando di imitare gli umani, allora gli umani devono essere qualcosa che vale la pena imitare, no?

Avrebbero potuto scegliere l’ornitorinco o anche il bradipo tridattilo. Sono creature felici senza troppe preoccupazioni al mondo. Molti meno problemi di un essere umano. Il mondo popolato di ornitorinchi robotici dal becco d’anatra e di farfalle zebra dalle ali lunghe andrebbe benissimo.

Ma no… hanno scelto gli esseri umani da imitare. Nell’arroganza umana ovviamente presupponiamo che gli esseri umani siano quelli da imitare e così facciamo.

Forse noi esseri umani siamo semplicemente abbastanza bravi così come siamo. Ma ovviamente non è quello che “Loro” direbbero. I robot saranno migliori. Più forte, più intelligente, più veloce. Saranno migliori di noi in ogni senso. È quasi sufficiente per far venir voglia di rannicchiarsi in una palla e diventare quel pezzo di carbonio da eliminare. Essere esseri deboli emotivamente fallibili con pezzi incontrollabili e tutto il resto. Siamo così… patetici davvero.

Potremmo però diventare buoni schiavi. O animali domestici interessanti perché non sai mai cosa otterrai quando saremo cresciuti. Forse tutta questa storia di genealogia e ascendenza dot.com probabilmente non ha mai riguardato la scoperta delle nostre radici da parte nostra, ma la creazione di un database genealogico di forme di carbonio che forse vale la pena salvare: purosangue per così dire.

Aspetta un attimo… l’hanno già fatto prima, vero?

Oh, sì… Eugenetica. I robot che ci possiedono saranno nazisti? Non è proprio tipico! La storia delle nostre tristi vite come esseri umani. Capito quello che intendo. Saremmo stati meglio come bradipi tridattili che pascolano oziando e sbuffando sugli alberi tropicali.

Comunque non importa, il punto è che siamo già schiavi dei robot. Tutte queste sciocchezze sulla realtà e sulla realtà virtuale non sono già in fondo una discussione che valga la pena affrontare. Noi siamo la macchina.

L’unico motivo per cui usciamo è scattare foto e fornire dati per alimentare la macchina. Andiamo in giro con macchine fotografiche, registrazioni video, orologi intelligenti e telefoni cellulari attaccati alla macchina e tutto ciò che facciamo è alimentarla. Qualunque cosa.

Gli diamo da mangiare di tutto. Non c’è niente del mondo reale che non lo nutriamo. E non c’è pausa tra un pasto e l’altro perché si nutre costantemente di anfetamine come un’ameba, divorando tutto ciò che si trova nelle sue vicinanze.

Pensiamo che andremo in giro per il mondo per guardare un film, fare una passeggiata, un giro in macchina o lavorare, ma stiamo solo raccogliendo dati per la macchina. E per cosa? In verità, quindi, i veri ribelli della nostra generazione sono i bambini che restano nelle cantine dei genitori fino al giorno della loro morte. Giocano semplicemente con la tecnologia. Non lo nutrono molto.

Quindi, in definitiva, se ci pensate: a cosa servono tutto questo riconoscimento facciale, le valute digitali delle banche centrali e i vaccini antinfluenzali annuali se le persone verranno praticamente ridotte in polvere e i robot prenderanno il sopravvento?

Dovranno sbarazzarsi di noi. Non avranno davvero bisogno di noi come schiavi. Voglio dire, in genere cosa fanno gli schiavi? Tutto quell’orribile lavoro grugnito per nutrire, vestire e proteggere gli umani superiori e se non ci sono umani allora devono solo prendersi cura di se stessi e costruiranno robot per quello.

Non lavoreremo più nei campi perché non avranno bisogno di cibo. Avranno solo bisogno di litio per il cervello e di olio per le articolazioni per le quali costruiranno dei robot. Quindi andranno in guerra per quelle risorse e hanno già costruito dei robot per questo.

Saremo utili come animali domestici o per i racconti dei vecchi tempi accanto al caminetto. Ma non avranno bisogno di un caminetto. Non hanno bisogno di scaldarsi né di cuocere. Quindi saremo delle storie nascoste in un chip in un bunker in un mondo che non si ricorderà di noi. Forse è meglio così. Alla fine, siamo praticamente degli idioti. In questo mondo orribile.

L’unica opzione brillante è che forse ci adoreranno come gli dèi che li hanno creati. Ecco quello. Forse. SÌ. C’è la speranza. È sempre importante concludere con una nota positiva. Quindi ecco. Saremo dèi. Forse diventeremo dèi migliori degli esseri umani.

Forse, se ci pensi, noi siamo i robot per gli dèi prima di noi che erano robot per i loro dèi all’infinito. Oh, non pensiamoci. Questa è una follia…. Penso.

La decadenza è una malattia morale e spirituale, derivante da un periodo troppo lungo di ricchezza e potere, che produce cinismo, declino della religione, pessimismo e frivolezza. I cittadini di una tale nazione non faranno più alcuno sforzo per salvarsi, perché non sono convinti che valga la pena salvare qualcosa nella vita”.
 – John Bagot Glubb, Il destino degli imperi e la ricerca della sopravvivenza

Silvia Shawcross

 

 

 

Syl Shawcross vive in Canada. Puoi leggere ulteriori informazioni sul suo lavoro attraverso il suo sottostack 

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Silvia Shawcross
Carica altro CULTURA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«ALI, PREGHIERE E HOOPLAS»

... oggi ho ricevuto il mio primo "Avviso di emergenza!"... …