Il moderno sistema alimentare è modellato dall’imperativo capitalista del profitto

PROFITTI DISGUSTOSI: IL CIBO AVVELENATO E LA RICCHEZZA TOSSICA

DEL SISTEMA ALIMENTARE GLOBALE


Il moderno sistema alimentare è modellato dall’imperativo capitalista del profitto. Oltre a perdere le loro terre a causa degli investitori globali e delle grandi preoccupazioni dell’agrobusiness, le persone sono disgustate dalle multinazionali e da un sistema che prospera sulla promozione del cibo “spazzatura” (ultra-processato) intriso di sostanze chimiche dannose e coltivato con l’uso di prodotti chimici agrochimici tossici.

È una situazione altamente redditizia per le società di investimento come BlackRock, Vanguard, State Street, Fidelity e Capital Group e per i conglomerati alimentari e agroalimentari in cui investono. Ma BlackRock e altri non investono pesantemente solo nell’industria alimentare. Inoltre, traggono profitto dalle malattie e dalle malattie derivanti dal sistema alimentare avendo partecipazioni anche nel settore farmaceutico. Per loro è una situazione vantaggiosa per tutti.(1)

Le pressioni esercitate dalle aziende agroalimentari e dai loro gruppi di facciata ben posizionati e ben finanziati garantiscono che questa situazione prevalga. Continuano a conquistare spazio decisionale e normativo a livello internazionale e nazionale e promuovono la (falsa) narrativa secondo cui senza i loro prodotti il ​​mondo morirebbe di fame.

Ora stanno anche promuovendo un’agenda finto-verde ed ecomodernista e lanciando le loro nuove tecnologie proprietarie per rafforzare ulteriormente la loro presa su un sistema alimentare globale che produce cibo scadente, malattie, degrado ambientale, dipendenza ed espropriazione.

Il modello agroalimentare globalizzato prevalente si basa su politiche commerciali ingiuste, sullo sfruttamento del debito sovrano a vantaggio di interessi potenti, sullo sfollamento della popolazione e sull’espropriazione delle terre. Alimenta la monocoltura di materie prime orientata all’esportazione e l’insicurezza alimentare regionale.

Questo modello è responsabile dell’aumento dei tassi di malattie, delle diete carenti di nutrienti, del restringimento della gamma di colture alimentari, dei deflussi chimici, dell’aumento dei livelli di indebitamento degli agricoltori e dello sradicamento della biodiversità. E si basa su un paradigma politico che privilegia l’urbanizzazione, i mercati globali e le esigenze delle aziende agroalimentari rispetto alle comunità rurali, ai mercati locali, alle risorse agricole e alla sovranità alimentare.

Inoltre, ci sono anche gli aspetti geopolitici più ampi del cibo e dell’agricoltura in un mondo post-COVID caratterizzato da inflazione alimentare, difficoltà e debito globale multimiliardario.

Ci sono enormi problemi ambientali, politici, sociali e sanitari che derivano da quanto del nostro cibo viene attualmente prodotto e consumato. È necessario un cambio di paradigma.

Tutto questo è esposto in Sickening Profits: The Global Food System’s Poisoned Food and Toxic Wealth (dicembre 2023), pubblicato come e-book ad accesso aperto (gratuito) da Global Research (può essere letto direttamente sul sito web di Global Research o scaricato in formato pdf) ed è il seguito del libro dell’autore Food, Dispossession and Dependency: Resisting the New World Order (2022).

Quel libro contiene sezioni sostanziali sulla crisi agraria in India e sulle questioni che interessano il settore agricolo. Aruna Rodrigues, importante attivista e firmataria principale del contenzioso di interesse pubblico sulla senape OGM presso la Corte Suprema dell’India, ha dichiarato quanto segue riguardo al libro:

Questo è grafico, un racconto horror dettagliato in preparazione

per l’India, una denuncia su ciò che è

pianificato, per cedere la sovranità indiana e la sicurezza

alimentare alle grandi imprese”.

‘Profitti disgustosi’ continua in modo simile. Descrivendo situazioni in Ucraina, India, Paesi Bassi e altrove, è un altro racconto horror vivido in divenire che si sta intensificando in tutto il mondo. La domanda è: si può fermare?

Il volume è totalmente leggibile anche in italiano

 

Il Centro per la ricerca sulla globalizzazione (Global Research) è “un gruppo mediatico e di ricerca indipendente di scrittori, studiosi, giornalisti e attivisti” e crede nel “libero accesso a informazioni veritiere e resoconti sfumati”. Si impegna a pubblicare e-book gratuiti.

Redazione

 

 

 

Approfondimenti del Blog

«LA BATTAGLIA DEL GRANO E LE QUATTRO SORELLE»

(1)

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Redazione Inchiostronero
Carica altro ATTUALITÀ

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«L’ALCHIMIA DEL FEGATO: UN VIAGGIO TRA MATERIA E SPIRITO»

Il significato simbolico del fegato nell'antica storia di Prometeo …