In principio era il nuovo Hitler pazzo che voleva invadere l’intera Europa

Effetto struzzo

 

QUANDO LA PIANTATE?


In principio era il nuovo Hitler pazzo che voleva invadere l’intera Europa, dagli Urali a Lisbona, con la sua invincibile armata. Bisognava armare l’Ucraina per salvare Kiev, ma soprattutto Varsavia, Helsinki, Vienna, Parigi, Roma e Madrid. Poi, nel giro di due giorni, Putin divenne una pippa lessa incapace di prendersi pure il Donbass. Dunque, bisognava armare Kiev per ricacciarlo oltre confine: impresa facilissima anche grazie alle sanzioni, con imminente default russo e destituzione di Putin, sempreché non fosse morto prima di una a caso fra decine di patologie. Intanto i russi prendevano il Donbass e le regioni a Sud (Kherson e Zaporizhzhia) fino alla Crimea. Ma i nostri si consolavano perché lasciavano Kiev e Kharkiv, dove peraltro non erano mai entrati. Era la famosa “controffensiva ucraina” di settembre contro l’“armata rotta”: la “ritirata di Russia”.

La ritirata di Napoleone da Mosca, Adolph Northen XIX secolo.

Quando poi i russi lasciarono Kherson tutti gridarono alla “liberazione”, tipo 25 Aprile, e chiesero altre armi per la vittoria finale. Questione di giorni: fuggiti i 300mila russi della nuova leva, finiti missili e munizioni. Nell’apprendere che i russi finalmente le buscavano, qualcuno restò spiazzato: ma come, non le buscavano anche prima? Intanto i russi avevano iniziato a radere al suolo Kherson e Nato & Kiev avvertivano: occhio che Putin ha pronti altri 500mila uomini per la contro-controffensiva; dunque, servono altre armi perché c’è stato un piccolo errore: è l’Ucraina che ha finito i proiettili, non la Russia, che ora sgancia super bombe da 1,5 tonnellate e missili ipersonici; e il default da sanzioni lo rischiamo noi, mentre Mosca è in ripresa. Infatti, i russi continuano a devastare e a sterminare e stanno per prendersi pure Bakhmut) che – assicura Zelensky – “gli aprirà le porte di Kramatorsk e Sloviansk”

Ogni tanto qualcuno fa notare che Putin ha 6mila testate atomiche e Zelensky nessuna, ma viene zittito da chi ha saputo da un amico di suo cugino che quel pazzo del nuovo Hitler è una personcina saggia: non oserà (mica è Truman). O forse è già morto e quello che vediamo è un sosia: l’ha detto Zelensky, che è sempre attendibilissimo. Infatti, negò di saper nulla dell’attentato alla Dugina (opera dei suoi), disse che il missile ucraino caduto in Polonia era russo e ora fa sapere che non c’entra col commando filo-Usa & Kiev che ha distrutto Nord Stream 1 e 2.(1)Quindi i veri presidenti americano e ucraino non sono Biden e Zelensky: quelli che vediamo sono sosia. Infatti, ripetono che i missili sulla centrale di Zaporizhzhia” in mano russa da un anno li sganciano i russi bombardandosi da soli. L’unica opzione esclusa a priori è il negoziato, perché la vittoria è dietro l’angolo: anche se nessuno dice di chi.

Marco Travaglio

 

 

Approfondimenti del Blog

«SCOPPIA LA BOMBA: IL SABOTAGGIO NORD STREAM PREPARATO PRIMA DELLA GUERRA»

 

 

 

 

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
  • «I NUOVI SONNAMBULI»

    Dice Ursula von der Leyen... …
  • «AVEVAMO FRAINTESO»

    Quando, esattamente 15 mesi fa, la Russia attaccò l’Ucraina, qualche certezza l’avevamo tu…
  • «ARRIVANO I BUONI»

    Sembra ieri, invece è il 20 marzo 2003 …
Carica altro Marco Travaglio
Carica altro DIBATTITI

Un commento

  1. Fantignoli Paola

    13 Marzo 2023 a 14:29

    Grande Travaglio!!!!

    rispondere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«I NUOVI SONNAMBULI»

Dice Ursula von der Leyen... …