Cogito erba sum, potrebbe sembrare una citazione sbagliata, invece non sembrerebbe proprio così. E’ appena uscito un libricino del filosofo francese Frederic Pagès (1) dal titolo: “Cartesio e la cannabis” in cui non si esclude l’uso di questa erba da parte di chi è ritenuto il fondatore della filosofia e della matematica moderna. Ma ad Amsterdam, checché ne dicessero allora i francesi falsi moralisti, ci si andava per fumare.

Egli, infatti, scriveva in una lettera del 5 maggio1631 a Guez de Balzac “tutte le comodità e le curiosità che desideriamo, come i vascelli pieni di tutto ciò che le Indie producono”. Che cosa importavano da così lontano se non il petum, tabacco, ovverosia l’erba del diavolo, com’era chiamata allora. In Francia nel 1629 veniva proibita ufficialmente l’accensione di pipe in luoghi pubblici. Non da meno l’Inghilterra, dove re Giacomo I puniva di regola i fumatori col carcere, più terribile la punizione nella Russia dello zar, dove chi era sorpreso a fumare ci rimetteva la testa.

Solo l’Olanda legalizzò quell’erba del diavolo che prosperò e permise di crearne di nuove qualità, tanto da ospitare e dare voce a medici esperti che ne esaltavano le virtù analgesiche: dolori di parto, mal di denti, mali di stomaco. E non si trattava di fumate innocenti se si considera che i proprietari di farmacie, avevano già la malizia di impreziosire le misture con allucinogeni d’antan come semi di giusquiamo nero, la belladonna o la datura, tutte erbe con proprietà sedative, spasmolitiche, analgesiche e narcotiche.

Ma Pagès non vuole certamente fare il moralista nei confronti del grande Cartesio, solamente provocare e parlarci di una Francia del Seicento dove l’Inquisizione e la Controriforma accendevano roghi di libri e di eretici. Quasi come un’Europa attuale, che attacca i fumi della libertà, accecata dall’oppio della sua idea di grandezza.

(1)Frédéric Pagès è un giornalista e scrittore francese nato nel 1950 a Suresnes. , ha lasciato l’insegnamento per unirsi nel 1985 alla stesura del settimanale satirico francese Le Canard enchaîné.( L’Anatra incatenata).

BIBLIOGRAFIA

“Cartesio e la cannabis. Perché in Olanda?”

Fredéric Pagès

Traduttore: E. Schiano di Pepe

Editore: Il Nuovo Melangolo

Collana: Nugae

Anno edizione: 2012

Pagine: 58 p. , Brossura

 

 

  • OBITORIO OCCIDENTE: IL CASO NOA POTHOVEN.

    ”Questo non è un articolo e neppure una riflessione. Cerca di essere una nuda cronaca trat…
Carica ulteriori articoli correlati
  • «Corpi di ballo»

    ”Anita e Miriam sono le due ballerine di punta di un’importante compagnia di danza c…
  • Se tornasse Cicerone… Instrumentum regni

    ”Una lingua “morta” che però continua a godere di ottima salute. Quante volte, nel parlare…
  • «Company Parade»

    ”È molto difficile rendere omaggio ad un romanzo, pubblicato per la prima volta nel 1934 e…
Carica altro Riccardo Alberto Quattrini
  • 1943 CHI VOLLE LA GUERRA CIVILE

    ”Chi volle la guerra civile del 1943, e perché? La leggenda che bisogna sfatare è che sia …
  • LE ORIGINI DELLA XENOFOBIA

    ”Come e perché la totalità della narrativa politica è oggi incentrata sulla Xenofobia, tem…
  • PROCESSO DELLE ARGINUSE

    ”Il processo agli strateghi delle Arginuse è monito perenne sui limiti della democrazia. I…
Carica altro Saggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«Corpi di ballo»

”Anita e Miriam sono le due ballerine di punta di un’importante compagnia di danza c…