Una lingua “morta” che però continua a godere di ottima salute. Quante volte, nel parlare e nello scrivere, adoperiamo termini latini o di provenienza latina?

Ab uno disce omne.

 

Nella reggia di Didone, il profugo Enea racconta, in lacrime, l’inganno del greco Simone, che aveva convinto i troiani a portare in città il colossale cavallo di legno. Il discorso di Simone, attore consumato, è un capolavoro di astuzia dialettica e i troiani abboccano allo spergiuro, credono veramente che i greci, stanchi e sfiduciati, abbiano fatto vela verso la patria, e che il cavallo, lasciato sul lido come dono espiatorio alla dea Minerva, proteggerà Troia, se verrà introdotto nelle mura. A questo punto Virgilio commenta sdegnato, per bocca di Enea

àccipe nunc Dànaum insìdias et crìmine ab uno

disce omnes

apprendi ora le insidie dei Greci e da un solo crimine conoscili tutti (Virgilio, Eneide, II). Per Virgilio, Simone è il simbolo della perfidia greca. Siccome lui è fraudolento e spergiuro, tutti i greci lo sono. Tale generalizzazione, che estende a un’intera collettività il comportamento d’un singolo, è un procedimento arbitrario, respinto dalla logica. Ma il sentimento, la fantasia poetica. Hanno delle ragioni che la ragione non conosce. Analogamente, se vediamo un friulano un po’ alticcio, diciamo che tutti i friulani sono ubriaconi; se un napoletano è pigro, deduciamo che tutti i napoletani sono pigri; se un siciliano è mafioso, tutti i siciliani sono mafiosi. Ma qui non c’entra l’empito del sentimento né la trasfigurazione poetica. C’entra la pigrizia mentale, il conformismo delle idee ricevute.

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Riccardo Alberto Quattrini
Carica altro Se tornasse Cicerone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«SOSTIENICI CON UNA DONAZIONE»

  A TUTTI GLI ISCRITTI AL BLOG UN PICCOLO CONTRIBUTO CI EVITERÀ DI DOVER USARE GLI SG…