Una lingua “morta” che però continua a godere di ottima salute. Quante volte, nel parlare e nello scrivere, adoperiamo termini latini o di provenienza latina?

Consummatum est.

 

È finito, è consumato. Si dice quando un governo è bocciato, un corridore spompato si ritira dal Giro d’Italia, un potente cade in disgrazia, un attore non riesce a trovare una scrittura. Ma l’origine della locuzione è di livello assai più alto, il Vangelo di Giovanni (XIX, 25-30): «Presso la croce di Gesù stavano sua madre, la sorella di sua madre, Maria di Cleofa, e Maria la Maddalena. E Gesù vedendo sua madre e presente il discepolo che amava, disse alla madre: “Donna, ecco il figlio tuo”. Poi disse al discepolo: “Ecco tua madre”. E da allora il discepolo la prese come propria. Dopo di ciò Gesù, sapendo che tutto era finito oramai, perché fosse compiuta la Scrittura disse: “Ho sete”. Vi era un vaso pieno di aceto: e imbevuta la spugna e postala su un ramo d’issopo l’avvicinarono alla sua bocca. E quando Gesù prese l’aceto, disse: “Consummatum est”; e reclinando il capo, rese lo spirito».

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Riccardo Alberto Quattrini
Carica altro Se tornasse Cicerone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Controllate anche

«IL SENSO DELLA GUERRA NEL XXI SECOLO»

”In Europa, eccetto che in Jugoslavia, la pace regna dalla fine della seconda guerra mondi…