Una lingua “morta” che però continua a godere di ottima salute. Quante volte, nel parlare e nello scrivere, adoperiamo termini latini o di provenienza latina? Cum quibus

Scena finale da  Il Barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini .

Sottintende «i denari», cum quibus, con i quali si possono fare molte cose. «Mi piacerebbe avere una Ferrari, ma mi mancano i conduibus» (corruzione popolare). Poiché come è stato scritto, chi non ha i conquibus (chiamati dialettalmente anche grana, dané, schei) cerca di procurarseli, e chi li ha, di difenderli. I moralisti hanno definito il denaro «sterco del demonio». Sarà. Ma senza questo concime non spunta neanche una spiga di grano. Per disprezzare il denaro bisogna essere degli asceti o dei supermiliardari. Figaro, il barbiere di Siviglia, non è né l’uno né l’altro quando canta:

  • All’idea di quel metallo
  • Portentoso, onnipossente,
  • un vulcano la mia mente
  • già comincia a diventar.

                    ATTO I, SCENA 3

 

 

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Riccardo Alberto Quattrini
Carica altro Se tornasse Cicerone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«LA CITTÀ UTOPICA»

”Da Platone in poi i filosofi si sono dedicati a immaginare città e Stati perfetti …