Una lingua “morta” che però continua a godere di ottima salute. Quante volte, nel parlare e nello scrivere, adoperiamo termini latini o di provenienza latina? Cum quibus

Scena finale da  Il Barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini .

Sottintende «i denari», cum quibus, con i quali si possono fare molte cose. «Mi piacerebbe avere una Ferrari, ma mi mancano i conduibus» (corruzione popolare). Poiché come è stato scritto, chi non ha i conquibus (chiamati dialettalmente anche grana, dané, schei) cerca di procurarseli, e chi li ha, di difenderli. I moralisti hanno definito il denaro «sterco del demonio». Sarà. Ma senza questo concime non spunta neanche una spiga di grano. Per disprezzare il denaro bisogna essere degli asceti o dei supermiliardari. Figaro, il barbiere di Siviglia, non è né l’uno né l’altro quando canta:

  • All’idea di quel metallo
  • Portentoso, onnipossente,
  • un vulcano la mia mente
  • già comincia a diventar.

                    ATTO I, SCENA 3

 

 

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Riccardo Alberto Quattrini
Carica altro Se tornasse Cicerone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Controllate anche

«NESSUNA VIA D’USCITA SE NON L’OSTILITÀ»

”Gli Stati Uniti sono intrappolati nella spirale mortale di un militarismo inarrestabile e…