Una lingua “morta” che però continua a godere di ottima salute. Quante volte, nel parlare e nello scrivere, adoperiamo termini latini o di provenienza latina?

Delenda Carthago

 

Carthago

 

 

Marco Porcio Catone mostra la frutta che veniva da Cartagine

Dura tempra di contadino conservatore, pelo rosso e parola rovente, aspro censore dei costumi, Marco Porcio Catone il Vecchio (234-149 a.C.)  aveva due incubi: la raffinata civiltà greca, strisciante minaccia alle prische virtù italiche, e il «miracolo economico» di Cartagine che, nonostante la batosta presa nella seconda guerra punica, era risorta come potenza agricola e mercantile. Un giorno egli portò in senato della frutta fresca e disse ai colleghi: «Questa viene da Cartagine», per dimostrare quanto fosse vicino il pericolo, prima commerciale e poi militare, che i romani sottovalutavano. Quella di Cartagine era ormai diventata un’idea fissa. Qualunque cosa facesse, di qualunque argomento parlasse, concludeva Cèterum cènseo Carthàginem èsse delèndam, del resto io penso che Cartagine è da distruggere. La frase è stata dai posteri abbreviata in Delenda Carthago e fa parte di quel repertorio di slogan bellicosi di cui è ricca la storia, come Fuori i barbari di papa Giulio II, O Roma o morte, di Giuseppe Garibaldi, e lo sventurato Noi spezzeremo le reni alla Grecia di Benito Mussolini.

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Riccardo Alberto Quattrini
Carica altro Se tornasse Cicerone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«Se tornasse Cicerone… Hic manebimus optime»

”Una lingua “morta” che però continua a godere di ottima salute. Quante volte, nel parlare…