Una lingua “morta” che però continua a godere di ottima salute. Quante volte, nel parlare e nello scrivere, adoperiamo termini latini o di provenienza latina?

Habitus.

 

  

L’abito, il vestito, l’abbigliamento. E inoltre: il comportamento, l’atteggiamento, il modo di essere. Molto comune la locuzione habitus in tal caso non veste il corpo, bensì la mente, i pensieri, e nasce l’abitudine, che è l’inclinazione a seguire, con regolare ripetizione, gli stessi atti.

   Guai se uno si permette di sorridere delle nostre abitudini. Ridicole, semmai, sono quelle degli altri. L’abitudine è una seconda natura che può portare, indifferentemente, al male e al bene. Anche le virtù sono frutto di lenta, tenace abitudine. Diventiamo giusti a forza di compiere azioni giuste. Proust scrive che per i suoi parenti «il rispetto dei doveri morali, la fedeltà degli amici, hanno più sicuro fondamento in cieche abitudini che non in trasporti momentanei, ardenti e sterili». È più facile, di un popolo, modificare le leggi che i costumi; nessun governo è mai riuscito a cambiarli per decreto. Le abitudini sono le ancelle servizievoli che conoscono a memoria i nostri desideri, capricci, tic e manie. L’importante è che non diventino serve-padrone. Perché noi ci affezioniamo a esse, anche a quelle che, giustificate in sul nascere da esigenze soggettive, perdurano immutate anche quando sono venute meno le motivazioni che le fecero nascere. Come certe stelle, di cui continuiamo a vedere la luce, e sono scomparse da milioni di anni.

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Riccardo Alberto Quattrini
Carica altro Se tornasse Cicerone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Controllate anche

«IL SENSO DELLA PACE NEL XXI SECOLO»

”In Europa, eccetto che in Jugoslavia, la pace regna dalla fine della seconda guerra mondi…