Una lingua “morta” che però continua a godere di ottima salute. Quante volte, nel parlare e nello scrivere, adoperiamo termini latini o di provenienza latina?

Idola

 

Il mito platonico della caverna

 

Ombre, immagini, fantasmi. Come termine filosofico, ha una storia duplice. Secondo il greco Democrito (460 a.C. – 370 a.C.), le nostre sensazioni non sono altro che emanazioni dell’oggetto che

Ritratto di Francis Bacone
Busto di filosofo greco, ritrovato nella Villa dei papiri a Ercolano e identificato con Democrito (o talvolta con Eraclito)

vengono a colpire i nostri sensi, e per quanto riguarda il senso della vista, la visione è il frutto di èidola, piccole immagini che si presentano al nostro occhio, come copie degli oggetti da cui provengono. Per l’inglese Francesco Bacone (1561-1626), gli errori che ostacolano l’uomo sulla via della conoscenza. Sono di quattro tipi. Idola trìbus, quelli inerenti alla natura stessa della specie (tribus) umana. Idola spècus, della caverna, cioè i pregiudizi derivanti dalla natura del singolo individuo, con riferimento al mito della «caverna» nella quale Platone immagina prigioniero l’uomo. Idola fòri, del foro, del mercato, derivanti dal linguaggio; infatti spesso diamo alle parole significati non corrispondenti alla realtà. Idola theàtri, gli errori delle varie dottrine filosofiche, paragonabili a suggestive rappresentazioni teatrali, a illusioni, accettate acriticamente.

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Riccardo Alberto Quattrini
Carica altro Se tornasse Cicerone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Controllate anche

«NESSUNA VIA D’USCITA SE NON L’OSTILITÀ»

”Gli Stati Uniti sono intrappolati nella spirale mortale di un militarismo inarrestabile e…