Una lingua “morta” che però continua a godere di ottima salute. Quante volte, nel parlare e nello scrivere, adoperiamo termini latini o di provenienza latina? In cauda venenum

 

Lo scorpione in mano a una giovane denota arroganza e superbia, della dialettica, per esprimere il potere talvolta pungente e velenoso delle parole, arma letale di combattimento. L’opera: “Giovane introdotto alle arti liberali”, affresco di Sandro Botticelli, databile al 1486 circa e conservato nel Museo del Louvre di Parigi

Nella coda c’è il veleno. È il contrario di dùlcis in fùndo e un chiaro riferimento allo scorpione che, gremita la preda, incurva la coda al disopra del capo e la colpisce con l’aculeo velenifero. Portatori di venenum nascosto in cauda sono gli epigrammi, arma letteraria tanto più mordente quanto più l’autore sa condensare ala battuta nelle ultime parole. O addirittura nell’ultima.

   Marcello Marchesi, parlando dei romanzi di Moravia:

  • Di scene d’amore
  • Quante ne ha messe!
  • È diventato ormai
  • Un autore
  • Di pubico interesse.

E del Premio Strega:

  • E brindan tutti
  • Alla salute
  • Del vincitore
  • Con un bicchierino
  • Di livore.

 Giannino Antona Traversi, alludendo alla medaglia assegnata a Ugo Ojetti recatosi a Gorizia, durante la Grande guerra, per il recupero delle opere d’arte:

  • Ancor che al monte austriaca minaccia
  • duri, tu varchi intrepido l’Isonzo
  • e una medaglia arride alla tua faccia,
  • Ugo, di bronzo.

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Riccardo Alberto Quattrini
Carica altro Se tornasse Cicerone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Controllate anche

«IL SENSO DELLA GUERRA NEL XXI SECOLO»

”In Europa, eccetto che in Jugoslavia, la pace regna dalla fine della seconda guerra mondi…