Una lingua “morta” che però continua a godere di ottima salute. Quante volte, nel parlare e nello scrivere, adoperiamo termini latini o di provenienza latina? 

Màre nòstrum. Il nostro mare. Così i romani chiamavano il Mediterraneo, essendone padroni di tutte le sponde. Pompeo, nel poema Farsagli di Lucano, alludendo al Mediterraneo dice ai compagni: … affrettiamoci alle terre d’Oriente. I gorghi dell’Eufrate ci dividono da un vasto mondo,

le barriere del Caspio separano immensi territori appartati, un altro cielo volge i giorni e le notti d’Assiria, regioni che hanno un mare diverso dal nostro e d’un altro colore.

L’espressione Mare nostrum fu riesumata dal fascismo con scarsa fortuna.

Oggi è tornato nuovamente di attualità.

 

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Riccardo Alberto Quattrini
Carica altro Se tornasse Cicerone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Controllate anche

«NESSUNA VIA D’USCITA SE NON L’OSTILITÀ»

”Gli Stati Uniti sono intrappolati nella spirale mortale di un militarismo inarrestabile e…