Una lingua morta che però continua a godere di ottima salute. Quante volte, nel parlare e nello scrivere, adoperiamo termini latini o di provenienza latina?

Memento mori

 

   Nel Genesi, cacciando l’uomo dal paradiso terrestre, Iddio sentenzia: «Con il sudore della tua fronte mangerai il pane, finché tornerai alla terra, perché da essa sei stato tratto, polvere tu sei e in polvere tornerai» (III, 19). Durante i conviti gli antichi egizi facevano entrare nella sala da pranzo una bara. Pacuvio, governatore della Siria sotto Tiberio, interrompeva le gozzoviglie per inscenare il proprio funerale, e i compagni cantavano al finto morto «Egli fu, or non è più». Il pensiero della morte incombente eccitava i pagani, scettici sull’al di là, a godere intensamente le gioie dell’al-di-qua.

Nella cena del Satyricon di Petronio, Trimalcione per indurre gli amici a non perdere tempo fa entrare un piccolo scheletro d’argento, snodabile, lo getta sulla tavola, gli fa assumere le più strane posizioni, commentando:

La cena di Trimalcione

«Ahi sorte umana, crediam d’esser molto e siam nulla;

né più che un lieve soffio è l’esistenza.

In preda all’Orco, questo sarà di noi tutti l’aspetto:

dunque viviamo, finché si può godere.»

 

   Diverso è il discorso per i cristiani. Chi crede in una vita ultraterrena è spinto, dal pensiero della morte, a bene operare per conquistare il premio futuro. Incontrandosi nelle loro celle, i frati trappisti si scambiano il saluto Memento mori, ricordati che devi morire. Uno studente maldestro tradusse: «Ricordati di morire», lasciando intendere che gli smemorati sono immortali.

 

 

 

 

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Riccardo Alberto Quattrini
Carica altro Se tornasse Cicerone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«È QUELLO CHE TI MERITI»

”Un romanzo potentissimo capace di ribaltare con forza tutti i luoghi comuni sull’am…