Una lingua “morta” che però continua a godere di ottima salute. Quante volte, nel parlare e nello scrivere, adoperiamo termini latini o di provenienza latina?

 

PARABELLUM.

La Realpolitik dei romani aveva creato lo slogan si vis pacem para bellum, se vuoi la pace prepara la guerra. I tedeschi, che delle normalità hanno sempre apprezzato, per naturale affinità, lo spirito militare, hanno fuso le due ultime parole in una sola, e nel 1901 hanno battezzato parabellum una pistola automatica (Borchardt-Lugher) assegnata in dotazione agli ufficiali e ai sotto ufficiali dell’esercito. Gli antimilitaristi modificano il motto in «se vuoi la pace, prepara la pace», consigliando nel frattempo: «Fate l’amore, non la guerra». Eppure queste due cose, apparentemente antitetiche, hanno molto in comune. Intanto: prima si fanno e poi si dichiarano. O non si dichiarono affatto. Inoltre, molte guerre s’intraprendono per dare spazio vitale alla popolazione, diventata esuberante perché troppa gente ha, in precedenza, fatto l’amore. L’amore è numero, il numero è potenza, la potenza è guerra. Quindi l’amore, a lungo andare, genera guerra. Il modo più sicuro per evitare le guerre è evitare l’amore. Dal canto suo la guerra, con gli atroci spettacoli di distruzione e di morte, suscita negli uomini un ardente desiderio di pace, di fratellanza, di amore.

E si ricomincia da capo.

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Riccardo Alberto Quattrini
Carica altro Se tornasse Cicerone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Controllate anche

«“COLORO CHE NON RICORDANO IL PASSATO SONO CONDANNATI A RIPETERLO”»

”Questa massima di George Santayana, conosciuta per la prima volta nel 1905 …