Una lingua “morta” che però continua a godere di ottima salute. Quante volte, nel parlare e nello scrivere, adoperiamo termini latini o di provenienza latina?

Parce sepulto.

 

 

Perdona al sepolto. Nel terzo libro del poema virgiliano, Enea, per velare di fronde l’altare del sacrificio a Giove, svelle da terra un arbusto e subito dai rami esce un lamento. È la voce d’un morto, il troiano Polidoro, tramutato per macabra metamorfosi in sterpi: «Perché. Enea, ti accanisci contro un infelice? Parce sepulto, abbi pietà d’un morto, evita di contaminare le tue mani pie».

   Oggi con parce sepulto intendiamo che è ingeneroso coltivare risentimento per i torti ricevuti da chi non è più. Se non è cavalleresco insultare un assente, è addirittura vile insultare un «assente definitivo» qual è un defunto. Oltre il rogo non vive ira nemica, ammonisce Vincenzo Monti nella Bassvilliana. Nell’ossario di Custoza, teatro di due battaglie del Risorgimento, si legge:

   Nemici in vita

   morte li adeguò

   pietà li raccolse.

   Sconfitto da Cesare a Farsalo, Pompeo si rifugiò in Egitto presso Tolomeo XIV, il quale per ringraziarsi il vincitore fece tagliare la testa a Pompeo e gliela spedì, assieme al suo anello. A quella vista, Cesare pianse.

   Sentimenti d’umanità che spuntano sempre dopo, quando i destinatari non sono più in grado di apprezzarli.

 

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Riccardo Alberto Quattrini
Carica altro Se tornasse Cicerone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«LA CONFRATERNITA DEGLI STORICI CURIOSI»

”Avete mai letto storie sui viaggi nel tempo? Io ne ho lette diverse ma devo ammettere che…