Una lingua “morta” che però continua a godere di ottima salute. Quante volte, nel parlare e nello scrivere, adoperiamo termini latini o di provenienza latina?

Sustine et abstine

 

Carlotta e il giovane Werther

Sopporta e astienti. In questa massima il greco Epitteto condensa l’etica dello stoicismo: accettare senza ribellarsi i mali della vita, rinunciare e desiderare ciò che non potremo mai ottenere. Solo così l’uomo difenderà la sua libertà morale. Il saggio è colui che, soffocato il desiderio, vive in una totale assenza di passioni (apathìa), in un aristocratico, autosufficiente distacco dal mondo.

Saggissima fino all’insensibilità è la Carlotta parodiata da Ernesto Ragazzoni, nella poesia I dolori del giovane Werther, allegro sfottò delle scalmane romantiche:

Il giovane Werther amava Carlotta

E già della cosa fu grande sussurro:

sapete in che modo si prese la cotta?

la vide una volta spartir pane e burro.

Ma aveva marito, Carlotta, ed in fondo

Un uomo era Werther dabbene e corretto,

e mai non avrebbe, per quanto c’è al mondo,

voluto a Carlotta mancar di rispetto.

Così maledisse la porca sua stella:

strillò che bersaglio di guai era, e centro,

e un giorno si fece saltar le cervella

con tutte le storie che c’erano dentro.

Lo vide Carlotta che caldo era ancora,

si terse una stilla dal bell’occhio azzurro,

e poi, volta a casa, da brava signora,

riprese a spalmare, sul pane, il suo burro.

Il giovane Werther suicida
Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Riccardo Alberto Quattrini
Carica altro Se tornasse Cicerone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«Se tornasse Cicerone… Cupio dissolvi»

”Una lingua “morta” che però continua a godere di ottima salute. Quante volte, nel parlare…