Una lingua “morta” che però  continua a godere di ottima salute. Quante volte, nel parlare e nello scrivere, adoperiamo termini latini o di provenienza latina?

Ùbi mel ìbi fel.

Dove c’è il miele, ivi il fiele. Come il torto e la ragione, anche la gioia e il dolore non si possono separare con un taglietto netto; sono vicini di casa, con reciproci sconfinamenti. Riferito alle arti subdole degli adulatori: le parole melate nascondono intenzioni perfide. «Oh, quant’è bello lo splendore delle tue penne, quanta nobiltà nel corpo e nel volto», disse la volpe al corvo che, alto sul ramo, mangiava un pezzetto di formaggio rubato da una finestra. E soggiunse: «Se tu possedessi anche la voce, nessun uccello ti vincerebbe in bellezza». Lusingato e provocato da queste parole, il corvo, per dimostrare che la voce ce l’aveva, e bella, aprì il becco e nel far ciò lasciò cadere il formaggio che la volpe, sotto l’albero, prontamente divorò

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Riccardo Alberto Quattrini
Carica altro Se tornasse Cicerone

Un commento

  1. Francesca Rita Rombolà

    4 Ottobre 2019 a 16:38

    Sì… del resto Gesù non ammonì:”Siate candidi come colombi, ma astuti come serpenti”?

    rispondere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«Il giardino delle farfalle»

”– Agghiacciante – Il giardino delle farfalle di Dot Hutchinson è un libro che racconta l’…