Una lingua “morta” che però continua a godere di ottima salute. Quante volte, nel parlare e nello scrivere, adoperiamo termini latini o di provenienza latina? Ubi saltatio ibi diabolus

Dirty Dancing (film di Emile Ardolino con protagonisti Jennifer Grey e Patrick Swayze)

Dove c’è il ballo, ivi c’è il diavolo. È l’anatema lanciato dai padri della Chiesa contro ogni forma di danza. Il canonista Burcado, vescovo di Worms, vissuto intorno al Mille, ordinò a tutti ci confessori di domandare al penitente «Hai ballato e saltato come il diavolo insegnò ai pagani?». Ma nemmeno il protestante Calvino scherzava. A Ginevra punì chi ballava e frequentava le taverne, e fece imprigionare un suo amico, reo d’aver danzato durante una festa di fidanzamento. Papa Bendetto XV chiamò «barbari» i balli moderni (era appena arrivato dall’Argentina via America il tango) aggiungendo nell’enciclica Sacra propediem del 6 gennaio 1921, «non si potrebbe trovare un mezzo più adatto per togliere ogni residuo di pudore». Nelle campagne venete, prima del miracolo economico e della liberazione del sesso, circolava il detto Omeni e done – diàvolo in mezzo. Col passaggio dalla chiusa civiltà contadina alla disinibita civiltà urbano-industriale, il rigore della Chiesa si è attenuato. Non soltanto in materia di ballo.

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Riccardo Alberto Quattrini
Carica altro Se tornasse Cicerone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Controllate anche

«IL SENSO DELLA GUERRA NEL XXI SECOLO»

”In Europa, eccetto che in Jugoslavia, la pace regna dalla fine della seconda guerra mondi…