Una lingua “morta” che però continua a godere di ottima salute. Quante volte, nel parlare e nello scrivere, adoperiamo termini latini o di provenienza latina? 

Voce di grida nel deserto. Dal Vangelo di Giovanni, colloquio fra i sacerdoti e il Battista. 

«Sei tu Elia?» 

«Non lo sono».

«Sei il Profeta?»

«No».

«E allora chi sei? Noi dobbiamo dare una risposta a quelli che hanno mandato. Che cosa dici di te stesso?»

Rispose:

«Io sono la voce di uno che grida nel deserto: preparate la via del Signore, come disse Isaia». (I, 21-23).

Il Panzini ci informa che nel 1848 circolava su Carlo Alberto la seguente quartina:

   Albertino, non ti sberto

   ma da prossimo ti avverto

   che in Toscana sei certo

   vox clamantis in deserto.

 Comunemente la locuzione è riferita a chi si sfiata a predicare senza mai essere ascoltato, a chi rivendica diritti senza ottenere risposta. 

Carica ulteriori articoli correlati
  • «L’ estate dell’innocenza»

    ”Un libro poetico, delicato e vero allo stesso tempo. Un affresco romanzato della vita che…
  • Se tornasse Cicerone… Cogito ergo sum.

    ”Una lingua “morta” che però  continua a godere di ottima salute. Quante volte, nel parlar…
  • «ALBA NERA»

    ”Sadici torturatori e mercanti di carne umana in un Italia di sempre, un disturbo micidial…
Carica altro Riccardo Alberto Quattrini
Carica altro Se tornasse Cicerone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«L’ estate dell’innocenza»

”Un libro poetico, delicato e vero allo stesso tempo. Un affresco romanzato della vita che…