Una lingua morta che però  continua a godere di ottima salute. Quante volte, nel parlare e nello scrivere, adoperiamo termini latini o di provenienza latina?

Vulgus vult decipi, ergo decipiatur.

Il volgo vuol essere ingannato. attribuito al cardinale Carlo Carafa, legato pontificio presso Enrico II, re di Francia. I demagoghi non sarebbero tanto sfrontati, se il popolo non fosse così credulone. Narra Svetonio nel capitolo settimo della Vita di Vitellio, che lui baciava i soldati incontrati per via, e si mostrava straordinariamente affabile con mulattieri e viandanti nelle taverne e nelle locande, «a tal segno che al mattino domandava a ciascuno se avesse già fatto colazione, e dava segno, ruttando, che lui l’aveva già fatta». Agli inizi del secolo, circolava nel Meridione la seguente storiella. Un candidato promette agli elettori: «Se mi darete lu voto, vi farò fare nu ponte». Una voce dal pubblico: «Nun tenimmo ‘o fiume». E l’altro, prontissimo: «Pure ‘o fiume, pure ‘o fiume!».

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Riccardo Alberto Quattrini
Carica altro Se tornasse Cicerone

Un commento

  1. Francesca Rita Rombolà

    29 Aprile 2019 a 18:12

    E che lingua, in fondo, musicale, perfetta e compita. Chi parla ormai più nel mondo una lingua così? E chi è capace di inventarne più una uguale? Nessuno. Il latino il latino… meditate gente meditate.

    rispondere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Controllate anche

«NESSUNA VIA D’USCITA SE NON L’OSTILITÀ»

”Gli Stati Uniti sono intrappolati nella spirale mortale di un militarismo inarrestabile e…