Una lingua morta che però  continua a godere di ottima salute. Quante volte, nel parlare e nello scrivere, adoperiamo termini latini o di provenienza latina?

Vulgus vult decipi, ergo decipiatur.

Il volgo vuol essere ingannato. attribuito al cardinale Carlo Carafa, legato pontificio presso Enrico II, re di Francia. I demagoghi non sarebbero tanto sfrontati, se il popolo non fosse così credulone. Narra Svetonio nel capitolo settimo della Vita di Vitellio, che lui baciava i soldati incontrati per via, e si mostrava straordinariamente affabile con mulattieri e viandanti nelle taverne e nelle locande, «a tal segno che al mattino domandava a ciascuno se avesse già fatto colazione, e dava segno, ruttando, che lui l’aveva già fatta». Agli inizi del secolo, circolava nel Meridione la seguente storiella. Un candidato promette agli elettori: «Se mi darete lu voto, vi farò fare nu ponte». Una voce dal pubblico: «Nun tenimmo ‘o fiume». E l’altro, prontissimo: «Pure ‘o fiume, pure ‘o fiume!».

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Riccardo Alberto Quattrini
Carica altro Saggi

Un commento

  1. Francesca Rita Rombolà

    29 Aprile 2019 a 18:12

    E che lingua, in fondo, musicale, perfetta e compita. Chi parla ormai più nel mondo una lingua così? E chi è capace di inventarne più una uguale? Nessuno. Il latino il latino… meditate gente meditate.

    rispondere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«Un dolore così dolce»

”Commovente, incantevole e struggente, insieme, Un dolore così dolce è una commedia amara …