Il mondo è stato perseguitato dalla violenza umana da tempo immemorabile

Ulisse uccide i Proci

SEBBENE SEGNATI DALLA VIOLENZA, NON DOBBIAMO

ESSERE SPAVENTATI FINO AL SILENZIO


Il mondo è stato perseguitato dalla violenza umana da tempo immemorabile. Ci sono innumerevoli milioni (miliardi?) di persone in tutto il mondo che ne sono state segnate in tutte le sue forme.

Ci sono due risposte fondamentali: una è cercare di restituire quella violenza con la violenza e sconfiggere il proprio nemico; l’altro è, nelle parole di Martin Luther King, Jr., “non cercare di sconfiggere o umiliare l’avversario, ma di conquistarne l’amicizia e la comprensione” attraverso una risposta non violenta. I politici di solito abbracciano il primo, mentre quelli che sono chiamati sognatori sostengono il secondo.

Tra questi due, ci sono varie risposte contrastanti, con leader politici sani di mente che chiedono il rispetto reciproco tra i paesi e la fine delle provocazioni aggressive che portano alla guerra, come è accaduto con gli Stati Uniti che hanno provocato la guerra in Ucraina.

Siamo entrati nel tempo in cui la distruzione di tutta la vita sulla Terra attraverso la guerra nucleare è imminente a meno che non si verifichi una trasformazione radicale. Se la parola imminente suona estrema, vale la pena considerare che non ci sarà alcun annuncio. Il momento di parlare è adesso. È sempre adesso.

La grande letteratura parla della questione della violenza ai livelli più profondi.

L’Odissea di Omero è il classico caso di vendetta violenta. Alla fine della storia, Odisseo, sfregiato in gioventù da un cinghiale, torna finalmente a casa dalla guerra di Troia dopo dieci anni di vagabondaggio. Doppiamente segnato ora dagli orrori della guerra con i suoi orrendi massacri (vedi L’Iliade), arriva a casa sua travestito da stracci da mendicante. La sua bambinaia fin dall’infanzia lo riconosce dalla cicatrice sulla coscia. In casa sua trova decine di corteggiatori che ci provano con sua moglie Penelope. È infuriato e varca la soglia, si strappa di dosso gli stracci e li massacra sistematicamente fino all’ultimo. Carne e sangue nuotano nella stanza intrisa di sangue, mentre nel cortile pendono dal collo dodici serve infedeli. Questa è la quintessenza della storia occidentale di vendetta in cui l’eroe ferito uccide i cattivi e il ritmo violento continua all’infinito.

Fa appello ai nostri angeli minori, perché mentre la rabbia di Ulisse è comprensibile, le sue conseguenze lasciano un’eredità tossica.

Ma c’è un’altra risposta che attinge ad un’altra tradizione che è simboleggiata da Gesù in croce, giustiziato dallo stato romano come criminale sovversivo. Non è morto su una croce privata, perché il suo crimine era pubblico. Martin Luther King, Jr. e Mahatma Gandhi sono famosi esempi di resistenza non violenta nei tempi moderni, poiché anche loro sono stati giustiziati dallo stato. La nonviolenza sembra, almeno in superficie, essere meno efficace della violenza e contraria a gran parte della storia umana.

Se lo è, tuttavia, siamo condannati. Perché ora abbiamo armi nucleari, non archi, frecce e lance. Abbiamo armi nucleari attaccate ai computer. Armi digitali di vario tipo e leader folli intenti a spingerci sull’orlo dell’estinzione.

L’istigazione degli Stati Uniti alla guerra in Ucraina contro la Russia e la sua spinta alla guerra con la Cina ne sono i principali esempi attuali. Fanno parte del continuo vasto arazzo di bugie di cui ha parlato Harold Pinter nel suo discorso per il Nobel del 2005. Ha detto, in parte:

Gli Stati Uniti hanno sostenuto e in molti casi generato ogni dittatura militare di destra nel mondo dopo la fine della Seconda guerra mondiale. Mi riferisco a Indonesia, Grecia, Uruguay, Brasile, Paraguay, Haiti, Turchia, Filippine, Guatemala, El Salvador e, ovviamente, Cile. L’orrore che gli Stati Uniti hanno inflitto al Cile nel 1973 non potrà mai essere eliminato e non potrà mai essere perdonato… I crimini degli Stati Uniti sono stati sistematici, costanti, feroci, spietati, ma pochissime persone ne hanno effettivamente parlato.

Questo è ancora vero, come ci ha appena avvertito John Pilger in un potente articolo:  “C’è una guerra in arrivo avvolta nella propaganda. Ci Coinvolgerà. Parla”

L’ascesa del fascismo in Europa è incontrovertibile. O “neo-nazismo” o “nazionalismo estremo”, come preferisci. L’Ucraina come alveare fascista dell’Europa moderna ha visto riemergere il culto di Stepan Bandera, l’appassionato antisemita e assassino di massa che lodava la “politica ebraica” di Hitler, che uccise 1,5 milioni di ebrei ucraini. “Porremo le vostre teste ai piedi di Hitler”, proclamava un opuscolo banderista agli ebrei ucraini.

Oggi Bandera è venerato come eroe nell’Ucraina occidentale e decine di statue di lui e dei suoi compagni fascisti sono state pagate dall’UE e dagli Stati Uniti, sostituendo quelle dei giganti culturali russi e di altri che hanno liberato l’Ucraina dai nazisti originari.

Nel 2014, i neo nazisti hanno svolto un ruolo chiave in un colpo di stato finanziato dagli americani contro il presidente eletto, Viktor Yanukovich, accusato di essere “pro-Mosca”. Il regime golpista includeva eminenti “nazionalisti estremi” – nazisti in tutto tranne che nel nome.

Stepan Bandera, l’eroe criminale che divide l’Ucraina

Il sostegno degli Stati Uniti a questa guerra deve cessare. Chi lo fermerà?

Omero ci ha detto qualcosa di molto importante una volta, così come molti poeti, artisti e scrittori nel ventesimo secolo. Ci hanno avvertito dei mostri che stavamo generando, come dice Pilger: “Arthur Miller, Myra Page, Lillian Hellman, Dashiell Hammett hanno avvertito che il fascismo stava sorgendo, spesso mascherato, e la responsabilità spettava a scrittori e giornalisti di parlare”. Si lamenta giustamente dell’assenza di tali voci ora, poiché gli scrittori sono scomparsi nel silenzio postmoderno, una parte della guerra culturale al dissenso.

Su una nota più sottile e personale rispetto al racconto di vendetta di Omero, abbiamo la testimonianza di Albert Camus che fece parte della Resistenza all’occupazione tedesca della Francia durante la Seconda guerra mondiale. All’inizio del suo bellissimo romanzo postumo e autobiografico, Il primo uomo, Camus ci racconta di Jacques Cormery (Camus), che non conobbe mai suo padre, un soldato francese ucciso durante la Prima guerra mondiale – la falsa e grottesca Guerra che porrà fine a tutte le guerre – quando Jacques aveva undici mesi.

Anni dopo, quando ha quarant’anni e gli orrori della Seconda guerra mondiale si sono conclusi, Jacques visita il cimitero in Francia dove è sepolto suo padre. Mentre si trova sopra la lapide in questo enorme campo di morti, il silenzio lo avvolge. Camus scrive:

E l’ondata di tenerezza e di pietà che subito gli riempì il cuore non fu l’agitazione dell’anima che conduce il figlio al ricordo del padre scomparso, ma la passione travolgente che un uomo adulto prova per un bambino ingiustamente assassinato – qualcosa qui era non nell’ordine naturale e, in verità, non c’era ordine ma solo follia e caos quando il figlio era più grande del padre. Il corso del tempo si frantumava intorno a lui mentre rimaneva immobile tra quelle tombe che non vedeva più, e gli anni non tenevano più il loro posto nel grande fiume che scorre fino alla sua fine.

La storia continua, così come quella di Camus, che ha sempre sostenuto le vittime della violenza nonostante le aspre critiche da più parti, da sinistra e da destra. Ha scritto un famoso saggio, Riflessioni sulla ghigliottina, contro la pena capitale, basato sull’esperienza nauseabonda di suo padre di vedere un uomo giustiziato dallo stato. Dopo aver sentito questa storia da sua nonna, aveva regolarmente “un incubo ricorrente” che “lo perseguitava, assumendo molte forme, ma avendo sempre un unico tema: venivano sempre a prenderlo, Jacques, per essere giustiziato”.

Inoltre, Camus ci ha avvertito di non diventare assassini e carnefici e di creare più vittime, quando ha scritto una serie di saggi poco dopo la Seconda guerra mondiale per il giornale della Resistenza francese, Combat. – Né vittime né carnefici.  Ha scritto che sì, dobbiamo alzare la voce:

Esige solo che riflettiamo e poi decidiamo, chiaramente, se la sorte dell’umanità debba essere resa ancora più misera per raggiungere fini lontani e oscuri, se dobbiamo accettare un mondo irto di armi dove il fratello uccide il fratello; o se, al contrario, dovremmo evitare il più possibile spargimento di sangue e miseria in modo da dare una possibilità di sopravvivenza alle generazioni successive meglio attrezzate di noi. 

Il che mi porta a Robert F. Kennedy, Jr. e alla sua corsa alla presidenza degli Stati Uniti in questo momento molto pericoloso. È un uomo che non ha paura di tacere nonostante tutti gli sforzi per censurarlo.

Fin dalla tenera età fu segnato dalla morte; è sicuramente un guerriero ferito, non uno di quelli che sono andati in una vera guerra, ma uno a cui è stata imposta una guerra diversa quando aveva nove e quattordici anni, quando suo zio e suo padre furono assassinati dalla CIA. Alcuni reprimono le implicazioni di tali ricordi; li ha affrontati e ha permesso loro di spronarlo alla verità e all’azione.

Nessun cinghiale lo ha incornato, né ha ucciso pretendenti nella sua casa, perché ha preso, non la strada della vendetta, ma quella della riconciliazione, nonostante abbia perso suo padre e altri a causa delle forze del governo demoniaco. Questa è la via della non violenza, un percorso sconosciuto alla maggior parte di coloro che aspirano a una carica politica.

Non conosco i suoi pensieri interiori su questo, ma ho letto le sue parole e azioni per decifrare dove sta cercando di portare questo paese molto violento. È un guerriero non violento nello spirito della forza della verità di Gandhi o  satyagraha . Non una non-azione passiva, ma una resistenza attiva al male e alla violenza. Non uno che cerca vendetta su tutti i guerrafondai e i bugiardi del Covid (il che non preclude procedimenti legali per reati), ma uno che cerca di riconciliare le parti in guerra. Fare appello ai nostri angeli superiori e non ai demoni spingendoci a rinunciare al bene, ma all’amore che è la nostra unica speranza.

Non sto dicendo che sia un pacifista. Un termine del genere intorbida le acque. È chiaramente impegnato nella difesa del paese se mai dovesse essere attaccato. Ma è decisamente contrario agli infiniti attacchi degli Stati Uniti contro altri paesi. Conosce la feroce storia della CIA. È un candidato politico molto raro impegnato nella riconciliazione in patria e all’estero. Sta conducendo la pace.

Come suo padre, il senatore Robert Kennedy e suo zio, il presidente Kennedy, è contro la guerra, impegnato a porre fine al ciclo infinito di guerre all’estero sostenute dal complesso militare-industriale e dalle corporazioni che si nutrono della depressione della spesa bellica. Si oppone alle politiche di quei politici che sostengono una tale carneficina senza fine, che è la maggior parte di loro, incluso il più enfatico Joe Biden. Si rende conto del pericolo di una guerra nucleare. Ci dice sul suo sito web,  Kennedy24:

In qualità di presidente, Robert F. Kennedy, Jr. avvierà il processo di scioglimento dell’impero. Riporteremo a casa le truppe. Smetteremo di accumulare debiti impagabili per combattere una guerra dopo l’altra. I militari torneranno al loro ruolo di difendere il nostro paese. Porremo fine alle guerre per procura, alle campagne di bombardamenti, alle operazioni segrete, ai colpi di stato, ai paramilitari ea tutto ciò che è diventato così normale che la maggior parte delle persone non sa che sta accadendo. Ma sta accadendo, un costante prosciugamento delle nostre forze. È ora di tornare a casa e restaurare questo paese… Daremo l’esempio. Quando una nazione imperiale guerriera si disarma di propria iniziativa, stabilisce un modello per la pace ovunque. Non è troppo tardi per noi abbandonare volontariamente l’impero e servire invece la pace, come nazione forte e sana.

Queste sono parole molto forti e sono sicuro che le intende. Ma è contrastato da forze demoniache all’interno degli Stati Uniti, quello che l’ex analista della CIA Ray McGovern chiama giustamente il complesso militare-industriale-congressuale-intelligence-MEDIA-accademico-Think-Tank (MICIMATT). Gestiscono lo spettacolo di merda di propaganda e lanceranno bugie dopo bugie (l’hanno già fatto) a Kennedy ed eserciteranno tutte le loro pressioni per assicurarsi che non possa mantenere le sue promesse. La loro propaganda è infinita e mira a ipnotizzare. Pinter lo ha descritto così: “Ti dico che gli Stati Uniti sono senza dubbio il più grande spettacolo sulla strada. Può essere brutale, indifferente, sprezzante e spietato ma è anche molto intelligente. Come venditore è fuori da solo e la sua merce più vendibile è l’amor proprio”.

È questo amor proprio e l’eccezionalismo americano che Bobby Kennedy dovrà contrastare sottolineando l’umanità di tutte le persone e il loro desiderio di vivere in pace. Dovrà mettere in chiaro che il coinvolgimento del governo degli Stati Uniti in Ucraina non è mai stato umanitario, ma fin dall’inizio faceva parte di un piano per disabilitare la Russia. Questo è stato uno sforzo per continuare la Guerra Fredda avvicinandosi ai confini della Russia.

Solo gli sciocchi pensano che la vendetta e la violenza porteranno a un mondo migliore. Può essere bello – e conosco la sensazione – reagire con rabbia, ma è solo un circolo vizioso, come tutta la storia ha dimostrato. La vendetta porta solo amarezza, un ciclo di recriminazioni e reazioni. La riconciliazione è la via da seguire, ma può diventare una realtà solo attraverso un aumento della resistenza delle brave persone ovunque alle bugie dei propagandisti amanti della guerra che ci stanno portando all’annientamento.

RFK, Jr. non può farcela da solo. Può guidare, ma abbiamo bisogno di un vasto coro di milioni di voci per resistere, nelle parole di Pilger, “l’onnipotente élite della corporazione si è fusa con lo stato e le richieste di ‘identità'”. In caso contrario, la democrazia rimarrà fittizia. Kennedy ha ragione a dire che gli Stati Uniti non possono essere un impero all’estero e continuare a essere una democrazia in patria. Il silenzio deve essere sostituito dalla resistenza e le sue parole rese reali da milioni di persone che si oppongono agli assassini.

Scrivendo in un altro periodo estremo, ma scrivendo veramente, Camus, ha detto:

Alla fine di questo tunnel di oscurità, però, c’è inevitabilmente una luce, che già indoviniamo e per la quale dobbiamo solo lottare per assicurarne l’arrivo. Tutti noi, tra le rovine, stiamo preparando un rinascimento oltre i limiti del nichilismo. Ma pochi di noi lo sanno.

Quindi combattiamo con parole e azioni. Come ci ha detto MLK, Jr. sulla guerra degli Stati Uniti contro il Vietnam: “Arriva un momento in cui il silenzio è tradimento”.

Edward Curtin

 

 

Edward Curtin è uno scrittore indipendente il cui lavoro è apparso ampiamente nel corso di molti anni. Il suo sito web è  edwardcurtin.com  e il suo nuovo libro è  Seeking Truth in a Country of Lies .

 

 

 

 

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Edward Curtin
Carica altro DIBATTITI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«UN ALTRO PSEUDO-DIBATTITO E RITROVO LIMITATO SULL’ASSASSINIO DI JFK MAGICO»

John F. Kennedy fu assassinato il 22 novembre 1963 …