È una situazione perdente per gli ucraini

SEMINARE IL SACCHEGGIO: UNA SITUAZIONE PERDENTE IN UCRAINA


È una situazione perdente per gli ucraini. Mentre muoiono, le istituzioni finanziarie sostengono insidiosamente il consolidamento dei terreni agricoli da parte di oligarchi e interessi finanziari occidentali.

Così afferma Frédéric Mousseau, Policy Director dell’Oakland Institute, un think tank indipendente.

A seconda delle fonti a cui credere, durante il conflitto con la Russia sono morti tra i 100.000 e i 300.000 soldati ucraini (forse di più). Quella cifra, ovviamente, non include le vittime civili.

Ma non è lo scopo di questo articolo esplorare questi problemi. Molto è già stato scritto su questo altrove. Ma miliardi di dollari di materiale militare sono stati inviati in Ucraina dai paesi della NATO e centinaia di migliaia di giovani ucraini sono morti.

Sono morti nella convinzione di proteggere la loro nazione, la loro terra. Una terra che è tra le più fertili al mondo.

La professoressa Olena Borodina dell’Accademia nazionale delle scienze dell’Ucraina afferma:

Oggi, migliaia di ragazzi e ragazze rurali, contadini, combattono e muoiono in guerra. Hanno perso tutto. I processi di vendita e acquisto di terreni gratuiti sono sempre più liberalizzati e pubblicizzati. Questo minaccia davvero i diritti degli ucraini sulla loro terra, per la quale danno la vita”.

Borodina è citata nel rapporto del febbraio 2023 dell’Oakland Institute Guerra e furto: l’acquisizione di terreni agricoli ucraini, che rivela come oligarchi e interessi finanziari stiano espandendo il controllo sui terreni agricoli dell’Ucraina con l’aiuto e il finanziamento delle istituzioni finanziarie occidentali.

Guerra e furto: l’acquisizione di terreni agricoli ucraini. Veduta del campo di grano durante la stagione del raccolto vicino al villaggio di Krasne, Ucraina, 5 luglio 2019 © FAO / Anatolii Stepanov

Gli aiuti forniti all’Ucraina negli ultimi anni sono stati legati a un drastico programma di aggiustamento strutturale che richiede la creazione di un mercato fondiario attraverso una legge che porta a una maggiore concentrazione della terra nelle mani di potenti interessi. Il programma prevede anche misure di austerità, tagli agli ammortizzatori sociali e la privatizzazione di settori chiave dell’economia.

Frédéric Mousseau, coautore del rapporto, afferma:

“Nonostante sia al centro del ciclo di notizie e della politica internazionale, poca attenzione è stata rivolta al nocciolo del conflitto: chi controlla i terreni agricoli nel paese noto come il granaio d’Europa. [La ] risposta a questa domanda è fondamentale per comprendere le principali poste in gioco nella guerra.”

Il rapporto mostra che la quantità totale di terra controllata da oligarchi, individui corrotti e grandi aziende agricole supera i nove milioni di ettari, superando il 28% della terra arabile dell’Ucraina (il resto è utilizzato da oltre otto milioni di agricoltori ucraini).

I maggiori proprietari terrieri sono un mix di oligarchi ucraini e interessi stranieri, per lo più europei e nordamericani, nonché il fondo sovrano dell’Arabia Saudita. Un certo numero di grandi fondi pensione, fondazioni e dotazioni universitarie statunitensi investono anche in terra ucraina attraverso NCH Capital, un fondo di private equity con sede negli Stati Uniti, che è il quinto più grande proprietario terriero del paese.

Kiev, manifestazioni contro la riforma Zelensky che autorizza la vendita dei terreni agricoli

Il presidente Zelensky ha messo in legge la riforma agraria nel 2020 contro la volontà della stragrande maggioranza della popolazione che temeva che avrebbe esacerbato la corruzione e rafforzato il controllo di potenti interessi nel settore agricolo.

L’Oakland Institute osserva che, mentre i grandi proprietari terrieri si assicurano massicci finanziamenti dalle istituzioni finanziarie occidentali, gli agricoltori ucraini – essenziali per garantire l’approvvigionamento alimentare interno – non ricevono praticamente alcun sostegno. Con il mercato fondiario in atto, tra forti tensioni economiche e guerre, questa disparità di trattamento porterà a un maggiore consolidamento fondiario da parte delle grandi imprese agroalimentari.

Tutte le dieci più grandi società di proprietà terriera tranne una sono registrate all’estero, principalmente in paradisi fiscali come Cipro o Lussemburgo. Il rapporto identifica molti importanti investitori, tra cui Vanguard Group, Kopernik Global Investors, BNP Asset Management Holding, NN Investment Partners Holdings di proprietà di Goldman Sachs e Norges Bank Investment Management, che gestisce il fondo sovrano norvegese.

La maggior parte delle aziende agroalimentari sono sostanzialmente indebitate con le istituzioni finanziarie occidentali, in particolare la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo, la Banca europea per gli investimenti e la International Finance Corporation, il ramo del settore privato della Banca mondiale.

Insieme, queste istituzioni sono state i principali finanziatori delle imprese agroalimentari ucraine, con quasi 1,7 miliardi di dollari prestati negli ultimi anni a solo sei delle più grandi aziende terriere ucraine. Altri finanziatori chiave sono un mix di istituzioni finanziarie principalmente europee e nordamericane, sia pubbliche che private.

Il rapporto rileva che ciò conferisce ai creditori partecipazioni finanziarie nel funzionamento delle imprese agroalimentari e conferisce loro una notevole leva finanziaria. Nel frattempo, gli agricoltori ucraini hanno dovuto operare con quantità limitate di terra e finanziamenti, e molti sono ora sull’orlo della povertà.

Le istituzioni finanziarie internazionali stanno in effetti sovvenzionando la concentrazione della terra e un distruttivo modello industriale di agricoltura basato sull’uso intensivo di input sintetici, combustibili fossili e monocolture su larga scala.

Gran parte di ciò che sta accadendo in Ucraina fa parte di una tendenza più ampia: fondi di private equity vengono iniettati nell’agricoltura di tutto il mondo e utilizzati per affittare o acquistare fattorie a buon mercato e aggregarle in grandi aziende industriali di grano e soia. Questi fondi utilizzano fondi pensione, fondi sovrani, fondi di dotazione e investimenti di governi, banche, compagnie assicurative e individui con un patrimonio netto elevato (vedere il rapporto del 2020 “Barbari alla stalla: il private equity affonda i denti nell’agricoltura” di Grain.org).

Barbari alla stalla: il private equity affonda i denti nell’agricoltura

La finanziarizzazione dell’agricoltura, in questo modo, trasferisce il potere a persone che non hanno alcun legame con l’agricoltura. Nelle parole di  Larry Fink di BlackRock: “Vai lungo l’agricoltura e l’acqua e vai in spiaggia”.

I fondi tendono a investire per un periodo compreso tra 10 e 15 anni, con conseguenti buoni rendimenti per gli investitori, ma possono lasciare una scia di devastazione ambientale e sociale a lungo termine e servire a minare l’insicurezza alimentare locale e regionale.

Al contrario, secondo l’Oakland Institute, i piccoli agricoltori in Ucraina dimostrano resilienza e un enorme potenziale per guidare l’espansione di un diverso modello di produzione basato sull’agroecologia e sulla produzione di alimenti sani. Mentre le grandi imprese agroalimentari sono orientate verso i mercati di esportazione, sono i piccoli e medi agricoltori ucraini a garantire la sicurezza alimentare del paese.

Ciò è sottolineato dal Servizio statistico statale dell’Ucraina nella sua relazione “Principali caratteristiche agricole delle famiglie nelle zone rurali nel 2011”, che ha mostrato che i piccoli agricoltori in Ucraina gestiscono il 16% dei terreni agricoli, ma forniscono il 55% della produzione agricola, di cui 97 % di patate, 97% di miele, 88% di verdure, 83% di frutta e bacche e 80% di latte.

Nel giugno 2020, il FMI  ha approvato  un programma di prestito di 5 miliardi di dollari con vincoli di 18 mesi con l’Ucraina. Nello stesso anno, la Banca mondiale ha incorporato  misure  relative alla vendita di terreni agricoli pubblici come condizioni in un prestito per la politica di sviluppo di 350 milioni di dollari (“pacchetto di aiuti” COVID) all’Ucraina. Ciò includeva un'”azione preventiva” necessaria per “consentire la vendita di terreni agricoli e l’uso di terreni come garanzia”.

Secondo l’Oakland Institute:

L’Ucraina è ora il terzo maggior debitore al mondo nei confronti del Fondo monetario internazionale e il suo indebitamento paralizzante comporterà probabilmente ulteriori pressioni da parte dei suoi creditori, obbligazionisti e istituzioni finanziarie internazionali su come dovrebbe avvenire la ricostruzione postbellica, stimata in 750 miliardi di dollari..”

Le istituzioni finanziarie stanno sfruttando il debito paralizzante dell’Ucraina per promuovere ulteriori privatizzazioni e liberalizzazioni, spingendo il paese in un angolo per fargli un’offerta che non può rifiutare.

Dall’inizio della guerra, la bandiera ucraina è stata issata fuori dagli edifici del parlamento in Occidente e i punti di riferimento iconici sono stati illuminati con i suoi colori. Un morso di immagine usato per evocare sentimenti di solidarietà e sostegno per quella nazione mentre serve a distrarre dalle dure macchinazioni della geopolitica e del saccheggio economico moderno che non è ostacolato dai confini nazionali e ha scarso rispetto per la difficile situazione dei cittadini comuni.

Colin Todhunter

 

 

 

 

Approfondimenti del Blog

Macchine agricole, le potenzialità del mercato in Ucraina

 

 

 

 

 

 

 

Colin Todhunter è specializzato in sviluppo, alimentazione e agricoltura ed è ricercatore associato del Centro di ricerca sulla globalizzazione di Montreal. Puoi leggere il suo “mini e-book”, Food, Dependency and Dispossession: Cultivating Resistance, qui .

 

 

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro ColinTodhunter
Carica altro ATTUALITÀ

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«LASCIAMOLI MANGIARE INSETTI: SFIDARE IL RIPRISTINO ALIMENTARE GUIDATO DALLE AZIENDE DEL WEF»

Il modello agroalimentare globalizzato è responsabile dell’aumento dei tassi di malattie …