Don Chisciotte avanza, con scudo e lancia, su Ronzinante, stilizzato in nero e nero lo segue, fedele, Sancho Panza.

 

STILE RIBELLE

 

Don Chisciotte e Sancio Panza Wilhelm Marstrand  (1847).

 

Don Chisciotte avanza, con scudo e lancia, su Ronzinante, stilizzato in nero e nero lo segue, fedele, Sancho Panza. Nero il terreno ondulato; in lontananza rossi i celebri mulini a vento che li trasformerà in mostri con cui cimentarsi. Il rosso e il nero con il bianco che fa loro sfondo. I colori della Tradizione. “Sono montato di nuovo in sella del cavallo di Don Chisciotte”, scrive nella sua ultima lettera il Che Guevara prima di inforestarsi nella selva boliviana. I mulini a vento gli squarceranno la gola; proiettili il petto. “Gli eroi sono tutti giovani e belli”, canta Guccini ne La

Don Chisciotte e Sancho Panza e i mulini a vento, un’illustrazione da Gustave Dorè da un 1880

Locomotiva. E pensare che il suo autore, il Cervantes, aveva ideato e composto un poema a sfregio e ironia dei racconti cavallereschi. Il sogno e l’ideale, eterni fanciulli, contro la stitichezza e il ghigno della ragione gli hanno tradito il senso e la mano. E noi quante volte abbiamo tentato di montare a cavallo per sfidare mulini e mostri. I sogni che ci rendono liberi; gli ideali che ci mantengono giovani.

È la copertina di Stile ribelle, Passaggio al bosco edizioni, autori Mario M. Merlino e Emanuele Casalena(CFR). E, nella parte da lui scritta (dieci figure “esemplari”), Emanuele a citazione sotto il titolo ricorda il Nietzsche dello Zarathustra quando ammonisce di preservare in noi il Chaos per veder nascere stelle danzanti.  L’età del nichilismo in quell’inquieto Novecento – la sua prima metà, soprattutto – ove nella notte il cielo sembrò darsi ad un tripudio di stelle e la terra atta al canto e all’incedere. Cita di Brasillach(1) il primo autore “E noi viviamo nell’eminente dignità del provvisorio”, tratto da La ruota del tempo, che altro non è essere partecipi di quel Chaos e accettare dal destino dodici bocche da fuoco avide del suo sangue. La grossa goccia che gli cola e si espande dalla fronte simile ad una rosa, simile ad astro. Vinti, mai domi.  

«Dopo dieci anni trascorsi in solitudine sulla montagna, Zarathustra ridiscende tra gli uomini per dar loro una buona notizia: Dio è morto. Ora gli uomini possono finalmente ritrovare la terra e il sole e da essi imparare la volontà di potenza. Essere se stesso è la sola via per andare oltre se stesso e l’uomo apparirà all’Übermensch come a noi si mostra una scimmia. Ma gli uomini che ascoltano Zarathustra hanno paura.»

 

Don Chisciotte illustrazione Gamba Ambrosoli.

È un libro “buono”… Credo di sì o, per rimanere prossimi a Nietzsche, “un libro per tutti e per nessuno”. Lasciare un segno. Questo spetta, il giudizio, al lettore; gli autori possono solo, sommessamente, dire che hanno tentato d’essere altro e altro. E qui le parole cessano d’essere d’aiuto. “Vivere, vivere con intensità”…

E Don Chisciotte avanza, comunque e nonostante tutto, e noi con lui. Perché nostri i sogni, nostri gli ideali, magari piccoli e irrisi, tenaci e arditi però. Uno Stile, crediamo, non si piega al tempo alle circostanze; nel bosco, in qualche sconosciuta radura una voce annoda il verso sgorga il canto si fa vanto d’essere lupo non gregge. Si rende, sì, ribelle. Appunto.           

 Bastian Contrario

 

NOTE

(1) Robert Brasillach (Perpignano, 31 marzo 1909 – Arcueil, 6 febbraio 1945) è stato uno scrittore, giornalista, poeta e critico cinematografico francese, principalmente noto per essere stato il capo redattore del settimanale Je suis partout. Dopo la liberazione di Parigi nel 1944, accusato di collaborazionismo con il Terzo Reich, fu condannato a morte e giustiziato dopo il rifiuto di De Gaulle di concedergli la grazia. La sentenza rimane un caso controverso nella storia giuridica francese, perché basata su “crimini intellettuali” piuttosto che su azioni militari o politiche.

Fonte: Wikipedia.

 

Per gentile concessione:

Fonte: Il Pensiero Forte

 

(CFR)

 

  •     Stile ribelle. Ricordi e ritratti contro la noia borghese
  •      Mario Michele Merlino, Emanuele Casalena
  •     Editore: Passaggio al Bosco
  •      Collana: Bastian contrari
  •      Anno edizione: 2019
  •      Pagine: 300 p., Brossura

 

Acquista: € 12,75  

 

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
  • La fine di un sogno

    ”L’età degli Dei da lunga data è volta al tramonto – il pagus il bosco i monti sono stati …
Carica altro Bastian Contrario
  • « IL SIMBOLISMO – IL MELOGRANO»

    ”Nel corso del giorno e della notte, nel nostro linguaggio, nei gesti o nei sogni, che ce …
  • «BEFFARSI DEI POTENTI»

    ”Cantastorie, comico e giocoliere. Nel Medioevo animava regge e piazze. Non erano buffoni …
  • «L’INTELLETTUALE»

    ”L’intellettuale: un fighetto che non ha capito un c*. A quale figura sociologica corrispo…
Carica altro Cultura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

La fine di un sogno

”L’età degli Dei da lunga data è volta al tramonto – il pagus il bosco i monti sono stati …