Entro la fine del 2023 saranno oltre 350 milioni le auto connesse in circolazione nel mondo

 

TUTTI CONNESSI IN AUTO. E SEMPRE SOTTO CONTROLLO


Entro la fine del 2023 saranno oltre 350 milioni le auto connesse in circolazione nel mondo, in crescita del 18% rispetto al 2022. Per il 2027 il parco circolante mondiale di autovetture connesse supererà quota 640 milioni di unità, per poi arrivare a superare i 900 milioni all’inizio del prossimo decennio. Queste previsioni derivano da un’elaborazione dell’Osservatorio Autopromotec sulla base di uno studio condotto dal gruppo di ricerca e consulenza tecnologica britannico Omdia.

 

 

 

 

 

 

Secondo la ricerca, il numero di veicoli connessi in circolazione, ossia i mezzi dotati di soluzioni di connettività mobile in grado di assistere con efficienza il conducente e fornire informazioni in tempo reale, è destinato a raddoppiare in pochi anni. Le auto connesse possono ricevere informazioni su traffico e diagnostica, oltre a interagire con le infrastrutture stradali e viaggiare in interconnessione con altri veicoli. Inoltre, le auto connesse sono dotate di numerosi schermi nella parte anteriore e posteriore dell’abitacolo, le cui dimensioni si prevede aumenteranno per agevolare la fruizione di servizi video e di intrattenimento. Le tecnologie per garantire la connessione diventeranno sempre più diffuse e comporteranno quindi investimenti da parte delle case automobilistiche, ma anche da parte del mondo dell’autoriparazione.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’aftermarket automobilistico dovrà quindi prepararsi a sfide continue sul versante digitale ed essere in grado di padroneggiare competenze trasversali, sempre più in chiave tecnologica. Di queste necessità, e delle iniziative da mettere in atto per adeguarsi agli sviluppi del mercato, si parlerà a Futurmotive Expo & Talks, il nuovo evento di Autopromotec dedicato a costruttori, componentisti, distributori e buyers, in programma a Bologna dal 16 al 18 novembre 2023 e che tratterà delle sfide della transizione energetica ed ecologica e dei nuovi modelli di business nel settore automotive.

Andrea Marcigliano
Redazione Electo

 

 

 

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Redazione Electo
Carica altro SCIENZA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«NUOVE PROFESSIONALITÀ NEGLI HOTEL ITALIANI? NEANCHE A PARLARNE…»

Da un lato ci sono le grandi strategie turistiche …