Da qualche tempo l’informazione ha tolto l’Ucraina dalle prime pagine…

UCRAINA, IL BOLLETTINO DELLA SCONFITTA


Da qualche tempo l’informazione ha tolto l’Ucraina dalle prime pagine perché è ormai impossibile sostenere la massa di menzogne che sono state dette e il fatto ormai inconfutabile che l’occidente è l’ispiratore di una strage inutile visto che comunque gli ucraini stano perdendo e mandano al fronte al fronte vecchi e ragazzini per alimentare la leggenda di una futura vittoria sotto l’egida delle armi americane. Anzi ormai la sensazione di sconfitta si va approfondendo mentre Zelensky fa i suoi servizi di moda è trapelato  un rapporto scritto  dal comando superiore dell’esercito di Kiev che pur cercando di essere ottimista dipinge una situazione disastrosa:

  • 1) le forze armate sono ormai al 43 % della loro operatività originaria;
  • 2) le armi leggere e i blindati non sono più sufficienti;
  • 3) 191mila soldati sono stati uccisi e feriti senza contare i dispersi, i prigionieri e infine i caduti dl altre nazionalità:
  • 4) non c’è abbastanza olio idraulico  e azoto liquido per gli obici americani M777 ( in realtà questi materiali per ammortizzare il rinculo andrebbero sostituiti solo nella revisione generale, ma la costruzione di queste infallibili armi è talmente scadente che ogni decina di colpi va fatto il rabbocco);
  • 5) l’equipaggiamento trasferito dall’Occidente si sta esaurendo;
  • 6) non c’è modo per riparare le armi sul posto a causa della mancanza di pezzi di ricambio e di specialisti: tutto viene inviato in Polonia. Se questa è una versione edulcorata figurarsi quale deve essere la realtà.
  • ♠♠♠
Pisky

Mentre prosegue con lentezza, ma con sicurezza l’offensiva russa sul perno delle postazioni difensive Ucraine, ovvero Pisky, che è stata fortificata per otto anni, si deve constatare l’incertezza della guida militare e il suo adeguamento alle prospettive che fanno comodo a Washington. In un primo tempo si era puntato tutto sulle fortificazioni a est nella speranza che i russi vi rimanessero impantanati, ma questo non è avvenuto perché via le truppe di Mosca hanno demolito le difese. a quel punto e venuta l’idea pazzesca di alimentare le speranze di guerra così urgenti per l’occidente, con la famosa e mitica controffensiva al Sud, dove secondo voci incontrollate l’esercito ucraino avrebbe dovuto riconquistare Kherson. Lo scopo principale di questa nuova strategia era quello di impedire i referendum che si terranno il mese prossimo a Kherson e in altre regioni sotto il controllo russo e che presumibilmente renderanno impossibile un ritorno di quei territori all’Ucraina. In effetti a Kiev e soprattutto ai suoi consiglieri occorreva qualche azione che potesse essere spacciata come una vittoria approfittando del fatto che il grosso delle truppe russe premeva sulle fortificazioni a est: sarebbe bastato colpire le popolazioni civili, farle ritornare alle logiche di prima della guerra per rimandare i referendum. Così si sono spostate artiglierie e truppe a sud sperando che i capisaldi e i baluardi realizzati per anni nel Donbass avrebbero resistito comunque per qualche tempo. È stata una scelta disastrosa anche perché lo spostamento di truppe è stato fortemente contrastato dai russi che sono riusciti ad azzerare molti reparti e oggi sono in grado di proporre loro un’offensiva lungo il fronte del Sud. Adesso c’è chi nell’esercito vuole riportare quelle truppe a est nella speranza di rallentare l’offensiva russa che procede come uno schiacciasassi. E intanto ciò che rimane vite massacrate dagli attacchi missilistici quotidiani.

Se si è fatto trapelare il disastroso rapporto sullo stato delle forze armate, cercando in qualche modo di non farlo sembrare un vero e proprio bollettino della sconfitta, ma mostrando chiaramente il disastro vuol dire che Kiev è proprio alla frutta, che i disaccordi sulla condotta della guerra si vanno approfondendo e che probabilmente qualcosa si va addensando sulla testa di Zelensky. Personalmente ho anche l’impressione che gli alti comandi militari ucraini stiano comprendendo che proprio per il bene del Paese non sarebbe una buona cosa consumare tutte le risorse militari possibili per poi doversi completamente affidare agli occidentali e a ciò che vorranno fare.

il simplicissimus2

 

 

 

 

Fonte: ilsimplicissimus del 7 agosto 2022

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Riccardo Alberto Quattrini
Carica altro CINEMA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Controllate anche

«ASPETTANDO GODOT. IL SIGNIFICATO DELLA VITA»

Una persona in attesa di un risultato di laboratorio a volte si sente come se il tempo sco…