Mentre la vegetazione cresce la versione ufficiale è esattamente contraria

VERDI CONTRO IL VERDE


Un team internazionale di 32 autori provenienti da 24 istituzioni in otto paesi ha condotto uno studio sulla copertura vegetale del pianeta utilizzando i dati satellitari dello spettrometro di immagini a risoluzione moderata della NASA e del radiometro ad altissima risoluzione della National Oceanic and Atmospheric Administration per calcolare la quantità di area fogliare e determinare così quanta area verde c’è sul pianeta: ebbene l’aumento dell’inverdimento, ovvero del fogliame su piante e alberi è aumentato in maniera tale da rappresentare un’area doppia rispetto a quella degli Stati Uniti continentali. In 35 anni la copertura verde è aumentata del 14 per cento. Ecco perché i raccolti sono eccezionali e sono andati sempre più migliorando non tanto per le tecniche ogm, quanto proprio per la migliore crescita vegetale a fronte di quello che è diventato il nemico numero uno dei cretini e dei bugiardi di tutto il mondo: ovvero l’abbondanza di Co2 che invece è un elemento essenziale per il mondo vegetale da cui deriva la possibilità di vita sulla terra.(1)

Se si vuole un quadro più preciso di questa crescita vegetale si può fare riferimento a questa tabella

Eppure, mentre la vegetazione cresce la versione ufficiale delle cose è quella esattamente contraria, cioè che l’uomo sta provocando la distruzione del pianeta attraverso la Co2 e che la copertura verde stia diminuendo a vista d’occhio. Il problema per propagandisti della catastrofe è che la maggiore copertura verde fa parte di uno di quei sistemi di feedback che impediscono un aumento eccessivo e catastrofico della temperatura e questo di certo non te lo vengono a dire detto: la copertura verde intercetta i raggi solari e li trasforma in metabolismo vegetale e non in calore che colpisce direttamente la superficie.  Inoltre, la Co2 contribuisce ad aumentare l’umidità al suolo: la causa principale della perdita d’acqua nelle piante è la traspirazione, perché gli stomi o i pori sulla parte inferiore delle foglie vengono aperti per assorbire CO2. Con più CO2, gli stomi restano aperti per un tempo più breve, le foglie perdono meno acqua e nel terreno rimane più umidità.

Perciò accade che acerrimi nemici del verde sono proprio i Verdi o per meglio dire il verdismo che si limita a recitare i messali che vengono loro inculcati grazie alla ignoranza che spesso è il carattere distintivo di chi abbandona la conoscenza per la semplice fede.

Redazione

 

 

Approfondimenti del Blog

«FOTOSINTESI CLOROFILLIANA: LA CONOSCE, MINISTRO?»

(1)

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Redazione Inchiostronero
Carica altro ATTUALITÀ

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«SOLARPUNK: IMMAGINARE UN FUTURO LUMINOSO»

Chiudi gli occhi e prova ad immaginare la Terra tra 100 anni. Cosa vedi? …