Primum vive, secundo, non superabundare

Protesta agricoltori tedeschi marciano su Berlino

VERDI IN CADUTA LIBERA. E GLI AGRICOLTORI TEDESCHI

DICHIARANO GUERRA A SCHOLZ


Primum vivere. D’accordo, gli ambientalisti italiani hanno frequentato scuole in cui il latino era messo al bando in quanto politicamente scorretto. Ma anche se l’avessero studiato, difficilmente lo avrebbero imparato. Almeno sulla base della fisiognomica. Però, forse, sono in grado di comprendere i dati dei sondaggi tedeschi in vista delle elezioni europee di quest’anno. I verdi sono in calo, e non solo in Germania. arè che le politiche ambientaliste, fatte proprie da quel genio di Ursula von der Leyen, non abbiano convinto. In particolar modo gli agricoltori di tutta Europa.

Ursula von der Leyen caricatura

Eppure, il piano strategico di Bruxelles è piuttosto facile da capire: si taglia la produzione agricola europea, si lasciano i campi incolti e si aumentano le importazioni di cibo prodotto dalle solite multinazionali. Semplice, no? Sorvolando, ovviamente, sull’inquinamento prodotto dal trasporto di prodotti alimentari in arrivo da ogni parte del mondo in cui le multinazionali si sono insediate.

Già è stupido così, ma in Germania il cancelliere piccolo piccolo ha deciso di andare oltre. E, per trovare i soldi da spedire al suo amico Zelensky e cricca famigliare, ha deciso di tagliare i sussidi per il diesel agricolo. Mandando su tutte le furie i contadini che, lunedì 8 gennaio, torneranno a manifestare con lo slogan “una montagna di letame vi seppellirà”.

Una montagna di letame scaricata di fronte agli uffici statali. Si sente anche qui la puzza!

Non sono però solo gli agricoltori ad essere infuriati con gli ambientalisti. Perché le fissazioni ideologiche dei verdi sempre più estremisti renderebbero impossibile la vita della maggior parte delle famiglie. Basti pensare ai costi insostenibili per ristrutturare le abitazioni secondo gli ordini di Bruxelles. E poi la cancellazione della cultura alimentare italiana e francese, ma anche spagnola e persino tedesca. O il blocco totale della possibilità di movimento nelle città tra velocità da prima marcia, trasporto pubblico sempre più caro, vincoli per uscire dal proprio quartiere in nome della “città in 15 minuti”.

Senza neppur dover arrivare ai problemi mentali di coloro che imbrattano monumenti o bloccano le strade cementando le proprie mani nell’asfalto. Con un’eccezione, però: imbrattare l’orrendo pseudo albero di Natale nella Galleria di Milano è stata un’opera di buon gusto.

Andrea Marcigliano
Enrico Toselli

 

 

 

 

 

 

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Enrico Toselli
Carica altro ATTUALITÀ

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«RISTRUTTURAZIONE ECOLOGICA DELLE ABITAZIONI? L’ULTIMO CHIODO SULLA BARA DEL CETO MEDIO»

Chi paga? Se lo sono chiesto un po’ tutti, in Italia …