Chi ha detto che la follia woke è un male?

VIVA I WOKE! STANNO FACENDO PRECIPITARE FISICAMENTE

E MENTALMENTE I GIOVANI STATUNITENSI


Chi ha detto che la follia woke è un male? Potrebbe rivelarsi, al contrario, un elemento fondamentale per impedire che i democratici statunitensi continuino ad esportare la loro democrazia nel mondo, provocando montagne di morti ovunque. Uno studio del Pentagono, ripreso da American Military News, sostiene che il 77% dei giovani statunitensi non è idoneo per il servizio militare. E le cause sono in buona parte legate alla mentalità dei nuovi talebani della morale politicamente corretta.

È il meraviglioso nuovo corso dell’american way of life. Con un disastro in termini di sovrappeso, abuso di alcol e droghe, problemi psichici. Mica male per il Paese che pretende di guidare il mondo. Il risultato è che quest’anno si chiuderà con 15mila reclute in meno rispetto alle 65mila previste nell’esercito, 10mila in meno su 38mila per la marina e 3mila in meno su 27mila in aeronautica.

Ma per i padroni del mondo il campanello d’allarme suona davvero molto forte. Perché gli effetti negativi della cialtronaggine politicamente corretta si registrano anche, e soprattutto, nella vita civile. Perché il woke ha provocato un crollo del livello di istruzione complessiva. Gli atlantisti sono abituati a genuflettersi di fronte ai laureati delle università yankee. Confondendo gli atenei più celebri con la media dei laureati di tutte le università statunitensi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ed il Center for Strategic and International Studies (non proprio una istituzione putiniana) rileva che negli Usa stanno diminuendo le competenze in scienza, tecnologia, ingegneria e matematica rispetto ad altri Paesi. In matematica gli Usa si collocano al quindicesimo posto, alle spalle sia di Cina sia di Russia, oltre che di Corea del Sud e Giappone. Sfatato, dunque, il mito della supremazia yankee in ambito tecnologico. In prospettiva, ma anche nel presente. Ed il grande successo dell’India nella missione lunare è un segnale chiaro. Come è un chiaro segnale il progetto di sostituire il nome India (legato alla colonizzazione) con Bharat.

Comunque, il problema del reclutamento dei militari può essere risolto dagli Usa seguendo l’esempio del loro burattino Zelensky. Il folle di Kiev ha dichiarato arruolabili anche i malati fisici e mentali. D’altronde chi dà retta a Zelensky non può essere sano di mente.

Andrea Marcigliano
Augusto Grandi

 

 

 

 

 

 

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Augusto Grandi
Carica altro ATTUALITÀ

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«LA POLIFONIA DELLA CULTURA “NON CONFORME” IGNORATA DALLA DESTRA FLUIDA DI GOVERNO»

“Abbiamo vinto molte battaglie: non ho ancora capito se abbiamo vinto anche la guerra…” – …