Pericolo Cina per la pace mondiale!

WASHINGTON “AVVERTE” L’AFRICA: SOLO BASI AMERICANE

 NESSUNO SPAZIO PER LA CINA


Pericolo Cina per la pace mondiale! L’avvertimento è stato lanciato dai buoni statunitensi che hanno messo in guardia il Gabon e la Guinea Equatoriale dall’accettare basi militari di Pechino. Perché verrebbero meno gli attuali equilibri per garantire la pax americana. Che, proprio pace forse non si può definire, ma le guerre atlantiste non sono vere guerre, sono esportazioni di democrazia con un pochino di effetti collaterali. Come gli oltre 30mila palestinesi assassinati dai teneri macellai di Netanyahu.(1)

Dunque, in Africa, come in Asia ed in Europa, le uniche basi militari ammissibili sono quelle yankee. Perché le bombe statunitensi sono buone e giuste. E fanno bene alla pelle.

Così, in nome della pace e della democrazia, si minacciano i Paesi che osano fare scelte diverse. Che accettano di essere corteggiati, e ben pagati, dai cattivi di Pechino invece di dover pagare per essere protetti dalle truppe dei buoni.

Ovviamente i disinformatori atlantisti sono perfettamente allineati con la narrazione di Washington. Perché mai i cinesi dovrebbero avere basi sulla costa atlantica? È come se gli Usa avessero basi militari in Asia! Ah, ce le hanno? Va beh, ma loro possono. Sono basi democratiche. In Iraq, Siria, Libano i rispettivi governi non le vogliono, ma i buoni non possono dar retta alle scelte di altri Paesi. E chi non vuole le basi americane è perché è cattivo e deve essere punito e corretto. Per evitare che possa scegliere di ospitare russi e cinesi. Dunque, loro malgrado, gli statunitensi sono obbligati ad occupare Paesi teoricamente sovrani. Lo fanno per il nostro bene, ça va sans dire. E guai a protestare.

Andrea Marcigliano
Enrico Toselli

 

 

 

Approfondimenti del Blog

«IL GENOCIDIO IN NUMERI. ECCO COSA HA FATTO ISRAELE A GAZA»

(1)

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Enrico Toselli
Carica altro DIBATTITI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«RISTRUTTURAZIONE ECOLOGICA DELLE ABITAZIONI? L’ULTIMO CHIODO SULLA BARA DEL CETO MEDIO»

Chi paga? Se lo sono chiesto un po’ tutti, in Italia …