La narrazione ambigua  procede

Nell’immagine sono segnate in blu le zone conquistate dagli ucraini

ZELENSKY, UNA LACRIMA SUL VISO


Potrebbe sembrare incredibile; eppure, l’informazione mainstream continua imperterrita a essere possibilista sull’offensiva ucraina: non può negare il disastro, ma al contempo esalta i guadagni territoriali delle truppe ucraine dando ai lettori e agli ascoltatori l’impressione che comunque qualcosa sia stato. Nell’immagine di apertura sono segnate in blu le zone conquistate dagli ucraini a prezzo di molte decine di migliaia di morti e una quantità colossale di mezzi distrutti, dopo 3 mesi di offensiva. Come si può vedere si tratta di guadagni bagatellari, senza alcuna importanza strategica, ma cosa ancora più importante è che tutte le aree conquistate sono nella zona di nessuno e le truppe di Kiev non sono arrivate nemmeno alla prima linea di difesa russa. Quindi ogni spaccio di corbellerie dovrebbe chiudere se i cervelli degli ipnotizzati si aprissero.

“Zelensky è figlio di un’epoca in cui la realtà e la cronaca danno lezioni di sceneggiatura ai film e alle serie tv” Ed è per questo individuo che tutta l’Europa si è suicidata.

Ritorno ancora su questo tema perché mentre tale narrazione ambigua  procede, gli eventi sembrano precipitare: ieri è stato arrestato Igor Kolomoisky l’oligarca a cui Zelensky deve tutta la sua carriera prima televisiva e poi politica e non si capisce cosa possa esserci dietro questo evento: sempre ieri è stato sostituito il ministro della difesa il che indica che a Kiev qualcosa si sta muovendo, ma poi anche dall’esterno delle camarille ucraine sono arrivate spiacevoli novità: per esempio  è arrivato il diniego del Belgio a fornire i suoi vecchi F16 all’Ucraina, che dal punto militare conta poco o niente, mentre dal punto d vista politico è un segnale abbastanza chiaro che sta subentrando un realistico scetticismo riguardo al futuro dell’Ucraina. Ancora più significativo è che uno degli sciacalli baltici in servizio permanente attivo degli interessi americani, ovvero la Lituania, ha affermato tramite il suo presidente che l’Ucraina potrebbe rimanere senza armi a causa della corruzione di Zelensky e dei suoi, anche se non ha esplicitamente fatto il nome del neo-despota di Kiev. Questa dichiarazione sembra un brillante riassunto delle cazzate che alimentano l’opinione pubblica americana: le magiche armi occidentali non hanno fallito e non si sono rivelate mediocri, non sono riuscite a fare la differenza perché la corruzione ha fatto sì che molte di esse siano state vendute. Il che è vero per le armi leggere, ma non vale certo per i sistemi antiaerei che da trent’anni fanno cilecca o per i carri armati invincibili nelle brochure, ma che sembrano bruciare meraviglia. Come scusa fa il paio con quegli inqualificabili ufficiali della Nato, i quali dicono che sono gli ucraini a non aver saputo usare tutto il ben di Dio di morte dell’occidente, quando invece è ben noto che l’Alleanza atlantica ha pianificato ogni particolare della cosiddetta controffensiva.

Tuttavia, anche queste argomentazioni pretestuose alla fine sembrano convergere verso un’accusa al potere di Kiev e al suo tragicomico protagonista, come via d’uscita più facile per l’occidente e per gli Usa dove impazza ogni giorno di più l’affaire ucraino della famiglia Biden. Zelensky da attore consumato piange anche in pubblico non per i 400 mila – stando bassi – ucraini che a mandato a morte, ma per la moglie e i figli che hanno a disposizione almeno dieci mega ville in cui abitare. Ma è probabile che pianga per se stesso, che si stia rendendo conto che è arrivato il momento in cui dovrà pagare il fallimento al posto dei suoi burattinai e sarà un prezzo alto. Ma è comunque disposto all’estrema strage pur di rimanere in sella. Da una lacrima sul viso si capiscono tante cose

Redazione

 

 

 

Carica ulteriori articoli correlati
Carica altro Redazione Inchiostronero
Carica altro DIBATTITI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllate anche

«SESSO E LO SPAZIO»

Il viaggio di nozze si rivelò presto una straordinaria realtà …